1979, un anno fantastico

Andare in basso

1979, un anno fantastico

Messaggio Da bandAlex il 13/2/2018, 14:33

Amplificatori per cuffia, una novità nell'home-audio. Prima non esistevano, se non in ambito professionale. Dalla fine degli anni '60 in poi, con la comparsa dei primi amplificatori hi-fi a stato solido, la presa jack sul pannello frontale bastava ad esaudire le necessità di un ascolto individuale, senza disturbare i vicini.

Fast forward, fino al 1979. La cuffia diventa un oggetto comune, sotto forma di appendice portatile collegata al Walkman, antico progenitore dell'iPod.



E così Sony entrò nella storia dell'hi-fi, conquistando la fetta di mercato composta per la maggior parte da giovani ascoltatori di età compresa tra i 16 e i 20 anni. Oggi sembra incredibile, ma a quei tempi i giovanotti non uscivano di casa senza il loro amato Walkman, per portarsi dietro la qualità audio del loro amato impianto hi-fi.

C'è una certa differenza con il mondo di oggi. Quando ero in autobus non guardavo un telefono, ma ascoltavo i Pink Floyd, Mike Oldfield, Path Metheny, Alan Parsons, Al Di Meola, e tanti altri, con il lieve fruscio di sottofondo del nastro, reso più dolce dal Dolby.

Le cuffiette erano piccole, ma erano deliziose, per come sparivano sulla testa.

Le promesse di Sony erano mantenute: le cassette non avevano mai suonato così bene nei portatili, e per gran parte degli anni '80 fu un continuo upgrade, una corsa a chi lo faceva meglio. Entrarono in gioco tutti i marchi giapponesi più importanti che si facevano concorrenza sulle prestazioni, migliorando i consumi (batterie più durature), la qualità audio, l'affidabilità, e anche l'estetica.



La cuffietta originale del primo storico Walkman era bellissima. Era sulla testa di tutti, e dentro la testa frullavano le nostre compilation.

Anche se oggi non reggerebbe il confronto con una PX100, la sua importanza non va sottovalutata. Fu l'apripista per quella tipologia di ascolto che ancora mancava, spalancando le porte al futuro che è sotto gli occhi di tutti. Chi pensa che Apple abbia inventato qualcosa, si sbaglia di grosso. Tutto nasce per la caparbietà di Akio Morita, a quel tempo capo della Sony.

E' l'esempio di un mondo agli antipodi, che doveva risolvere tanti problemi a quel tempo piuttosto difficili. Il Walkman doveva essere efficiente: due batterie stilo da 1.5 Volt erano la sua fonte di energia, e con quelle doveva far girare la meccanica, alimentare tutta l'elettronica, e dare una potenza sufficiente alla cuffia. Quello fu il momento in cui nacque il problema nel mondo consumer di far funzionare un amplificatore audio con soli 3 Volt di alimentazione. Per questo la cuffia doveva avere caratteristiche completamente diverse rispetto a quelle usate in casa. Doveva avere un'impedenza molto bassa, e un magnete molto potente. Così potente che fu necessario il neodimio, già conosciuto tra gli audiofili perchè spesso usato nei tweeter. Una terra rara, usata al posto delle normali leghe ferromagnetiche, capace di mantenere un'altissimo grado di magnetizzazione.

I termini neodimio, samario-cobalto, cromo... erano ben conosciuti, così come altri nomi: permalloy, traferro, azimuth, bias...

E poi, il Walkman doveva essere piccolo, poco più grande di una cassetta. Finchè arrivò il giorno in cui fu raggiunto il limite oltre il quale era la cassetta stessa a fare da barriera alla miniaturizzazione.

Fast forward, torniamo al presente.
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears

Messaggi : 5312
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1979, un anno fantastico

Messaggio Da dankan73 il 13/2/2018, 14:56

Grande Alex!
Io ho fatto il pendolare in treno paesello-Roma la sapienza-paesello per diversi anni e ho consumato il mio walkman sony.
Ero maniacale andavo alle lezioni, poi arrivavo con la metro fino a via simone di saint bon una traversa di viale delle milizie altezza via ottaviano, li c'era un noleggio cd molto grande e fornitissimo, avevo una lista che compilavo la sera mentre ascoltavo radio rock lavorando al tavolo da disegno, mi prendevo due o tre cd uscivo e nel negozio GBC di fronte compravo delle cassette solo di ottima qualitá tdk ,  il negozio avendo capito il business era fornitissimo di cassette e batterie, tornavo a casa infilavo i cd nel lettore sony e registravo le playlist con la piastra technics un lavoraccio ma quanta bella musica mentre leggevo un buon libro sul treno.
Continuando a fare il pendolare  mi sono preso un lettore cd portatile poi un minidisc poi un ipod poi un fiio ma la magia di quegli ascolti con le cassette li porto nel cuore.
avatar
dankan73
nespola
nespola

Messaggi : 379
Data d'iscrizione : 20.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1979, un anno fantastico

Messaggio Da Edmond il 13/2/2018, 17:50

Bei tempi........ Adesso uso il Dodocool e le Koss Porta Pro........ La gioia è la stessa, l'età no...  roll roll roll
avatar
Edmond
pesca
pesca

Messaggi : 983
Data d'iscrizione : 28.08.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1979, un anno fantastico

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum