Condividi
Andare in basso
mariovalvola
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 666
Data d'iscrizione : 09.07.14

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 26/10/2014, 19:39
Non ho prodotto tantissimo questa settimana. 
Ho terminato di montare i componenti "grossi" sulla piastra.







Dopo continui ripensamenti, ho deciso di sostituire la valvola driver, la 01A con la RE084.
I vantaggi dovrebbero essere:
- Una maggiore "coerenza": è, anche questo, un Barium tube come la finale, si pone, però,  un potenziale rischio di caratterizzazione per eccesso di omogeneità.
- Un guadagno maggiore
- Una minore Rp,
- Una migliore linearità. Quest'ultimo aspetto, in realtà, andrebbe considerato in modo più globale per evitare valutazioni assolutamente sbagliate ( errore già fatto in passato).
Un'amplificatore S.E., a parità di stadio finale, distorcerà di più quando lo stadio driver risulta, da solo, più lineare evitando o diminuendo l'impatto della cd. cancellazione armonica.
Sono giochetti legittimi che, però vanno usati con perizia e parsimonia.
Non ne sono immuni gli Audio Note di Kondo, Il Legend di Hiraga (Figlio dell'Anzai Zaika), Asano, e molti altri giapponesi (basta sfogliare qualche numero di MJ per accorgersene)
http://www.asrr.org/biblioteca/Revue%20Audiophile/FICHIERS/40/300B/300B.html
http://www.asrr.org/biblioteca/Revue%20Audiophile/FICHIERS/10/300B/300B.html
http://www.asrr.org/biblioteca/Revue%20Audiophile/FICHIERS/10/300B/300B.html


Ultima modifica di mariovalvola il 26/10/2014, 20:11, modificato 1 volta
avatar
password
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 1268
Data d'iscrizione : 03.12.11
Località : Roma

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 26/10/2014, 19:52
Che bello!
avatar
mariovalvola
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 666
Data d'iscrizione : 09.07.14

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 26/10/2014, 20:10
Grazie ma, detto tra noi, per ora e per parecchi mesi, sarà bruttino.
La versione definitiva dovrebbe avere una lastra simile a questa ma sospesa  su supporti elastici (in sintesi dei veri e propri elastici) in un contenitore chiuso più grande. 
Solo così si potrà coniugare un sistema antimicrofonico efficace (per ora solo abbozzato) necessario con questi tubi, a una finitura quantomeno consona.
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5727
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 26/10/2014, 20:39
@mariovalvola ha scritto:Non ho prodotto tantissimo questa settimana. 

In effetti stavo quasi per fare le mie rimostranze... wink

Ho terminato di montare i componenti "grossi" sulla piastra.

Bello, e complicato. Mi stai facendo venire la voglia di un montaggio in aria...
avatar
mariovalvola
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 666
Data d'iscrizione : 09.07.14

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 26/10/2014, 21:05
Purtroppo, realizzare oggetti  con i tubi soprattutto DHT ti porta a una lievitazione degli ingombri, dei pesi e anche dei costi.
Basti pensare all'alimentatore di questo piccolo ampli per cuffia:
-trasformatore per l'anodica (380V-0-380V 250mA.. potrebbe in questo caso essere più piccolo ma mi toglierei molte opzioni future, secondario a 2,5V-0-2,5V 3A per accendere la raddrizzatrice e avvolgimento separato per il negativo di griglia.
-Trasformatore per i filamenti con quattro secondari separati per accendere singolarmente (via Coleman) i tubi
- induttore da 20H (vecchia Tango) con doppio schermo per la prima cella di filtro (l'alimentatore è induttivo)
- secondo induttore da 20H più normale (sempre Tango)
-2 condensatori in polipropilene grossi.
Alla fine viene una bestia più o meno grande come l'ampli per cuffia. (ma molto più pesante: per i Coleman i secondari a bassa tensione devono essere piuttosto robusti come corrente con ovvie conseguenze sul peso complessivo di questo trasformatore) Per potenze comunque sotto i 3W, siamo quasi all'ernia del disco. 
Quando costruisco, capisco perché hanno inventato i semiconduttori.
L'ingombro e il peso sono difficili da gestire.
Poi rivedo le immagini di certi folli europei e torno a pensare ai tubi  grande sorriso


Ultima modifica di mariovalvola il 26/10/2014, 22:46, modificato 1 volta
avatar
mariovalvola
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 666
Data d'iscrizione : 09.07.14

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 26/10/2014, 21:07
In realtà sono i tuoi i circuiti complicati. I miei, alla fine, sono "da III ITIS".   grande sorriso
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5727
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 26/10/2014, 23:49
@mariovalvola ha scritto:In realtà sono i tuoi i circuiti complicati. I miei, alla fine, sono "da III ITIS".   grande sorriso

I miei sembrano complicati, i tuoi lo sono sul serio, se non altro dal punto di vista pratico e per l'esperienza necessaria per poterli realizzare. wink
avatar
Edmond
Fragola
Fragola
Messaggi : 1083
Data d'iscrizione : 28.08.13

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 29/10/2014, 09:40
Ora che comincio a vederlo assemblato mi ricorda qualcosa di già visto... Una sorta di laboratorio valvolare..........
avatar
mariovalvola
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 666
Data d'iscrizione : 09.07.14

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 29/10/2014, 09:58
È vero. La logica delle mie realizzazioni è sempre la stessa. Un supporto richiede molto tempo per essere preparato. Per questo motivo penso molto ai possibili sviluppi. Sulla medesima lastra potrò realizzare molti amplificatori diversi per trovare la migliore soluzione almeno per me.
P.s. Edmond, hai posta. fisch
avatar
mariovalvola
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 666
Data d'iscrizione : 09.07.14

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 29/10/2014, 10:33
Oggi, dovrebbe essere il grande giorno!
Sono in consegna gli autotrasformatori Magnequest TL-404 ordinati a luglio. Più di 12 settimane per averli.
A breve foto e misure.
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5727
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 29/10/2014, 11:23
@mariovalvola ha scritto:Oggi, dovrebbe essere il grande giorno!
Sono in consegna gli autotrasformatori Magnequest TL-404 ordinati a luglio. Più di 12 settimane per averli.
A breve foto e misure.


special cool plane popcorn
avatar
gfi
pesca
pesca
Messaggi : 602
Data d'iscrizione : 08.11.13
Località : Lugano

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 29/10/2014, 12:23
Ottimo,non vedo l'ora anch'io  tongue
avatar
mariovalvola
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 666
Data d'iscrizione : 09.07.14

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 30/10/2014, 06:47
Sono Arrivati bene. Gli 8000 Km circa, non hanno creato problemi. Ne ho misurato uno solo, per ora, in queste condizioni:
- Generatore sinusoidale con Zout pari a 2400 Ohm (...Un compromesso cattivello. Userò, con questo induttore, tubi con una Rp da 800Ohm a 2600Ohm. Uscita sulla presa a 500 Ohm con resistenza pari a 600 Ohm.
-generatore di onde quadre con Zout =1KOhm.
-Tensione in entrata (alla presa 5K) 1,2V rms (mette alla prova la bontà del nucleo ai bassi livelli).
Un difetto, effettivamente, l'ho riscontrato ma lo sapevo già. Sono bruttissimi. Non sono rifiniti come i trasformatori giapponesi tipo Tamura o vecchia Tango Hirata.
Sono davvero spartani e orrendi. I difetti, però, finiscono qui.
qualche immagine:




Attenzione: il grafico della risposta in frequenza ha l'asse Y (quella verticale) molto dilatata. Questo rende molto più percepibile il comportamento agli estremi banda. 
Il comportamento già ottimo con 2,4K di sorgente, diventa eccezionale con 800 Ohm dove mi ritrovo 5Hz a -1dB!!! (non l'ho disegnato per non sporcare il grafico) Per essere un 5Kohm è da urlo.
L'estremo alto è da record: 100.000 Hz -0,4dB     
L'onda quadra a 10 KHz, si commenta da sola. Sfido qualunque produttore (cantinaro o regolare ) a fornire le stesse prove del singolo trasformatore (o autrotrasformatore) d'uscita.
Certo, qui partiamo avvantaggiati: è un autotrasformatore. Ciò non toglie che il comportamento sia impressionante. Ho provato in questi anni tantissimi ferri. Non ho mai visto nulla di simile. Chapeau. E' un progetto degli anni '40!!!! incredibile.
Ho fatto alcune misura volanti con la presa a 50 Ohm caricata con 50 Ohm. Sempre ottimo.
Forse anche questa sera, proprio per evidenziare l'incredibile comportamento dei TL-404, posterò le misure dell' HA-134 (l'altro trasformatore utilizzato)


Ultima modifica di mariovalvola il 30/10/2014, 08:52, modificato 1 volta
avatar
mariovalvola
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 666
Data d'iscrizione : 09.07.14

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 30/10/2014, 07:06
Ecco Come si comporta il trasformatore UTC sempre a 5K con il secondario settato a 500 Ohm caricato con una resistenza di 600 Ohm.


Il comportamento in alto, è comunque buono ma sicuramente più tormentato.
avatar
mariovalvola
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 666
Data d'iscrizione : 09.07.14

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 30/10/2014, 18:21
La vera soddisfazione, con questo induttore Magnequest, sta nell'avere finalmente una certezza. Con un oggetto simile puoi abbandonare gli inseguitori catodici, i tubi muscolosi fatti per altro e, come scrivevo all'inizio, essere assolutamente liberi di utilizzare valvole intrinsecamente più lineari. (e maggiormente apprezzabili all'ascolto)
Certo, i migliori risultati si otterranno usando tubi con una Rp non superiore ai 1600-1800 Ohm. Ne rimangono, comunque, parecchie:
45, VT52, RE604, 50, AD1, PX4, 2A3, ecc.
Da quello che ho letto, 2W li regge tranquillamente anche a 20 Hz. Questo aspetto permette di ampliare notevolmente il numero delle cuffie collegabili.
Tutte le fantasie di questi mesi, grazie a queste modeste verifiche strumentali, si stanno concretizzando. grande sorriso
avatar
Edmond
Fragola
Fragola
Messaggi : 1083
Data d'iscrizione : 28.08.13

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 30/10/2014, 18:25
Molto bene....
agenzia.tormenti
arancia
arancia
Messaggi : 140
Data d'iscrizione : 18.06.11

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 30/10/2014, 18:46
Se 2W bastano per qualsiasi tipo di cuffie, compresa la akg k1000 e le varie hifiman difficili da pilotare, mi faccio quotare immediatamente un paio di trasformatori da lefevr….
avatar
mariovalvola
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 666
Data d'iscrizione : 09.07.14

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 30/10/2014, 19:39
Ecco come si comporta, sempre il TL-404, in condizioni un poco più clementi. L'impedenza del generatore risulta ora pari a 1600 Ohm  (simile alla più alta Rp dei tubi appena citati ad eccezione delle 50 ) e la tensione d'ingresso risulta lievemente più alta (1,46V). I 5 Hz sono, ora a -0,86 dB. Per onestà devo precisare che la misura l'ho effettuata solo fino a 500 Hz. Nell'excel ho lasciato invariato il resto.

Per quanto riguarda la AKG, non saprei. Mi pare di ricordare che sia particolarmente dura ma non ho evidenze. Comunque, a casa, con 2W piloto agevolmente un Onken W (2 woofer da 38cm. ALTEC 416A) con JABO o IWATA (JBL 375) sui medi e T-500A mk II per gli alti. 
Mike LaFevre, non è molto propenso ad avvolgere questi induttori con la voluta assiduità. Pare che i nuclei non siano frequentemente disponibili e l'avvolgimento sia piuttosto complesso (relata refero).
Guarda sul suo Blog/forum ogni tanto rende disponibili dei piccoli  lotti e qualcuno li vende usati.
avatar
Edmond
Fragola
Fragola
Messaggi : 1083
Data d'iscrizione : 28.08.13

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 30/10/2014, 23:39
La K1000 ha 74 dB di efficienza... Però le 2A3 la pilotavano bene...
avatar
mariovalvola
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 666
Data d'iscrizione : 09.07.14

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 31/10/2014, 07:07
La notte porta consiglio. Devo continuare a ripetermi che, questo, è un ampli per cuffie. Il comportamento a bassissimi livelli, è cruciale. Con segnali in uscita di pochi mV, pesa molto la qualità del nucleo. Non sempre con piccoli segnali il trasformatore risulta esemplare. L'induttanza tende a "implodere". Ho fatto quindi una verifica crudele a 7mV in uscita su 600Ohm (dovrebbe essere un segnale appena percepibile). Anche se l'orecchio, a queste ampiezze risulta poco sensibile alle bassissime frequenze, il trasformatore risulta flat a 20Hz con un generatore con un impedenza d'uscita di 1600 Ohm.
Può bastare. Questa sera si va avanti con il montaggio. 
Basta fisime  grande sorriso
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5727
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 31/10/2014, 10:38
Sono perfettamente d'accordo con il tuo approccio, quello di partire dal componente, analizzarlo per bene e capire se si può andare avanti. Con progetti come il tuo, e in generale dove si impiegano grossi trasformatori o grosse induttanze (e quindi quasi sempre con le valvole) la qualità del componente svolge un ruolo cruciale. A prescindere dalla bontà del progetto, se un componente chiave, come in questo caso il trasformatore d'uscita, non è all'altezza, il risultato potrà essere solo mediocre.

Con lo stato solido invece è difficile che un singolo componente sia così critico (a parte forse i circuiti simmetrici dove si tratta di fare il matching di alcuni semiconduttori): da questo punto di vista con i transistor è tutto molto più semplice, e forse proprio per questo il rischio di un risultato mediocre è piuttosto alto, dove con mediocre intendo qualcosa che sta nel mezzo, senza particolari qualità.

Le caratteristiche del trasformatore sono eccezionali, ma appena puoi sarebbe interessante verificare come si comporta con un carico di 50 ohm (tipico di una ortodinamica) e uno swing in tensione su tale carico di 15 V di picco (da considerare un "massimo" abbastanza reale sulla cuffia più rognosa che c'è ovvero la HE6), magari su due frequenze (ad esempio 50 e 1000 Hz).
avatar
gfi
pesca
pesca
Messaggi : 602
Data d'iscrizione : 08.11.13
Località : Lugano

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 31/10/2014, 12:15
Per Mario.

Ma tempo fa non avevi realizzato un TU "universale" dalle buone caratteristiche?
Prendendo spunto da quel lavoro, si potrebbe realizzare un TU apposta per ampli cuffia.
Cosa ne pensi e se reputi fattibile la cosa.

saluti  gfi
avatar
mariovalvola
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 666
Data d'iscrizione : 09.07.14

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 31/10/2014, 12:41
Per amore di verità, i progettisti del TUU, furono altri. Io ebbi solo il compito di testare i prototipi. Preciso che non è mai stata un'iniziativa commerciale. Le cose venivano gestite più o meno come qui.
per le cuffie? Non saprei. La linearità in alto era ben diversa. Il mio test era in monofonia. In stereofonia conta di più il comportamento in alto per la corretta ricostruzione.
certo, si semplificherebbe la vita dell'autocostruttore.
devo guardare. Due esemplari li devo ancora avere.
Come alternativa percorribile (anche se peggiore del TL-404) ci sarebbero i Sowter.
Il suggerimento di BandAlex, lo colgo al volo e lo ringrazio per l'autorevole e lucido intervento Forse, grazie a lui; posso colmare due limiti del mio piccolo insieme di strumenti. I miei generatori audio non mi permettono uno  swing di tensione simile. Potresti suggerirmi un ampli autocostruibile da laboratorio in grado di fare questo lavoro con la massima linearità e un impedenza d'uscita adeguata?
Che scheda audio per pc,  con accurato attenuatore a monte, utilizzi e che software hai adottato?.
Grazie


Ultima modifica di mariovalvola il 3/11/2014, 22:27, modificato 1 volta
avatar
mariovalvola
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 666
Data d'iscrizione : 09.07.14

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 31/10/2014, 15:55
Edit: per un ampli di misura del genere devo pensare a qualcosa a tubi in SRPP forse con un anello di feedback regolabile.
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5727
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 2/11/2014, 10:53
@mariovalvola ha scritto:Il suggerimento di BandAlex, lo colgo al volo e lo ringrazio per l'autorevole e lucido intervento Forse, grazie a lui; posso colmare due limiti del mio piccolo insieme di strumenti. I miei generatori audio non mi permettono uno  swing di tensione simile. Potresti suggerirmi un ampli autocostruibile da laboratorio in grado di fare questo lavoro con la massima linearità e un impedenza d'uscita adeguata?
Che scheda audio per pc,  con accurato attenuatore a monte, utilizzi e che software hai adottato?.
Grazie


Io utilizzo il generatore incorporato nell'oscilloscopio USB, che è il Tiepie HS5. Ho anche l'HS3, che alterno in base al tipo di misura che devo fare (se mi serve un'ampia banda passante e una grande velocità uso l'HS5, altrimenti l'altro che ha un rapporto S/N più alto).

http://www.tiepie.com/en/products/Oscilloscopes/Handyscope_HS5

Sono entrambi a 16 bit (contrariamente alla maggioranza degli oscilloscopi USB) e quindi hanno una dinamica sufficiente da poter fare misure di rapporto S/N con una certa affidabilità. Il loro generatore interno si ferma a 12 V di picco, sufficiente nella maggior parte delle applicazioni, anche se non è perfetto (THD non propriamente bassa, per cui bisogna tenerne conto).

Come dici tu, nel caso il generatore non arrivi al valore di tensione necessario, serve un amplificatore, che ovviamente non deve introdurre di suo troppa distorsione.

Per un amplificatore da costruirsi che abbia una bassissima THD la prima cosa che mi viene in mente è qualche operazionale con uscita sufficientemente robusta, tipo l'NJM4556 (magari due o più in parallelo), in grado di pilotare anche carichi da 150 ohm senza farsi troppi scrupoli.

Oppure l'AD8397, che può erogare anche più corrente. Mettendo in parallelo i due opamp interni, con uno schema semplicissimo si ottiene un amplificatore in grado di erogare uno swing di quasi 12 Vp su carichi anche più bassi di 100 ohm, senza distorsione apprezzabile.

http://www.analog.com/en/all-operational-amplifiers-op-amps/operational-amplifiers-op-amps/ad8397/products/product.html

Ottimo per pilotare una cuffia. grande sorriso
avatar
mariovalvola
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 666
Data d'iscrizione : 09.07.14

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

il 2/11/2014, 11:35
Grazie. Anni fa, avevo fatto un pensierino su quell'oscilloscopio digitale proprio per i 16 bit.
I soliti oscilloscopi USB, da questo punto di vista, fanno piuttosto schifo.
Purtroppo il prezzo mi ha sempre scoraggiato. Troppi ferri, troppi dischi e condensatori. Ora ci sono anche le cuffie. Vedremo... 
Che attenuatore per l'ingresso utilizzi con quell'oscilloscopio digitale?
il problema dell'ampli da laboratorio è che, se lo uso con un trasformatore o autotrasformatore in discesa, devo pensare a un segnale enormemente maggiore.
Ci devo ragionare.
Contenuto sponsorizzato

Re: Qualcosa di antico (o forse solo di vecchio)

Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum