potenziometro shunt: ha senso?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

potenziometro shunt: ha senso?

Messaggio Da vale25 il 2/4/2013, 21:57



utilizzare questo tipo di configurazione può portare reali vantaggi oppure è solo un illusione idiofila il fatto che il contatto strisciante non sia in serie al segnale?
di contro c'è sicuramente che l'impedenza di ingresso varia da R a R+Rpot...

EDIT: mi spiego meglio, il pot ovviamente non è in serie al segnale, però magari questo dal punto di vista della qualità audio conta poco

avatar
vale25
nespola
nespola

Messaggi : 253
Data d'iscrizione : 26.03.12
Località : Palermo

Tornare in alto Andare in basso

Re: potenziometro shunt: ha senso?

Messaggio Da bandAlex il 2/4/2013, 23:16

Illusione idiofila... grande sorriso

E' vero che nella modalità "shunt" il contatto strisciante non è più in serie al segnale, ma è pur vero che si è dovuta aggiungere una resistenza in serie, e questo vanifica in gran parte il tentativo maldestro di far fuori il potenziometro. Invece, la configurazione shunt ha i seguenti - gravi - lati negativi: se il contatto strisciante del potenziometro si interrompe (come può succedere facilmente dopo anni di utilizzo o per qualità scadente) nella configurazione normale si interrompe il segnale audio e non succede niente di grave, nella configurazione "shunt" il volume va al massimo, con il rischio di rompere i diffusori o peggio le vostre orecchie, se state in cuffia. La sola possibilità di una simile catastrofe mi farebbe desistere dall'usare la configurazione "shunt". Ma c'è un altro motivo, legato al rapporto S/N. L'aggiunta della resistenza in serie al segnale è di fatto un'estensione del potenziometro, ma in tale configurazione essa non si annulla mai, neanche quando portate la manopola del volume al massimo. E' come se l'impedenza della sorgente fosse molto più alta, con tutte le conseguenze del caso. Dal punto di vista elettrico è sicuramente un degrado delle prestazioni, anche se, con un circuito di ingresso ben progettato ed oculatamente calibrato, se ne possono ridurre gli effetti negativi.

Meglio utilizzare un potenziometro di qualità, nella normale configurazione si intende. wink
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears

Messaggi : 4934
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: potenziometro shunt: ha senso?

Messaggio Da vale25 il 2/4/2013, 23:38

ma considerando che normalmente il volume di ascolto non va mai oltre le ore 13 ( massimo 14), gli effetti nefasti della resistenza in serie al segnale non ci sono anche con uso normale del potenziometro, con la differenza che questa varia continuamente,e se le cuffie sono molto sensibili o il guadagno è troppo alto essa è molto elevata?
avatar
vale25
nespola
nespola

Messaggi : 253
Data d'iscrizione : 26.03.12
Località : Palermo

Tornare in alto Andare in basso

Re: potenziometro shunt: ha senso?

Messaggio Da bandAlex il 3/4/2013, 00:06

Quando arrivi a ore 13/14, comincia ad entrare in gioco l'impedenza di uscita della sorgente che, con il potenziometro nella configurazione normale, contribuisce ad abbassare l'impedenza della linea vista dall'ingresso. Nella configurazione shunt questo non può avvenire per via della resistenza aggiuntiva in serie al segnale. Tra l'altro, tale resistenza non può essere troppo bassa se non si vuole caricare troppo la sorgente ai bassi volumi di ascolto e quindi il suo effetto non è affatto trascurabile quando si superano le ore 12 della manopola del volume.

Certo, tutto dipende da come viene progettato l'ingresso, ma in linea di massima la vedo come una soluzione peggiorativa, ed è tutto da dimostrare che essa sia meglio del contatto strisciante. Senza contare il fatto che se il potenziometro non è perfetto rischi di fare grossi danni.
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears

Messaggi : 4934
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: potenziometro shunt: ha senso?

Messaggio Da vale25 il 3/4/2013, 00:14

si, già quest'aspetto era bastato a convincermi ;)
avatar
vale25
nespola
nespola

Messaggi : 253
Data d'iscrizione : 26.03.12
Località : Palermo

Tornare in alto Andare in basso

Re: potenziometro shunt: ha senso?

Messaggio Da bandAlex il 3/4/2013, 00:23

Tra l'altro, c'è da aggiungere che anche configurato come shunt, il contatto strisciante non è affatto al di fuori del percorso audio. Può sembrare strano, ma anche i componenti/percorsi verso massa hanno la loro influenza, non solo quelli direttamente in serie al segnale.
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears

Messaggi : 4934
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: potenziometro shunt: ha senso?

Messaggio Da bandAlex il 3/4/2013, 00:33

avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears

Messaggi : 4934
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: potenziometro shunt: ha senso?

Messaggio Da vale25 il 3/4/2013, 07:52

@bandAlex ha scritto:Tra l'altro, c'è da aggiungere che anche configurato come shunt, il contatto strisciante non è affatto al di fuori del percorso audio. Può sembrare strano, ma anche i componenti/percorsi verso massa hanno la loro influenza, non solo quelli direttamente in serie al segnale.

quando parlavo di illusione idiofila mi riferivo proprio a quest'aspetto, non avevo considerato gli altri motivi da te illustrati
avatar
vale25
nespola
nespola

Messaggi : 253
Data d'iscrizione : 26.03.12
Località : Palermo

Tornare in alto Andare in basso

Re: potenziometro shunt: ha senso?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum